Hai presente quella scena?!? Fuori e dentro dai sette regni

August 8, 2017

Quello muore, quell’altro resuscita, in quel punto ho avuto paura, ma l’avresti mai detto, non ci potevo credere, per me è deludente, un momento epico, una scena fantastica, ho pianto, lei con lui mai, incredibile.

 

Ci avete capito qualcosa? No? Nessun problema, siete fra le 10 persone al mondo che non stanno seguendo Il Trono di Spade. Da quando la nuova esaltante settima stagione va in onda, nessuno se la perde. Su Sky, streaming in italiano, streaming con i sottotitoli o in lingua originale senza aiuto dei traduttori “così intanto imparo l’inglese”. Spoiler su Facebook, Twitter, Instagram, dal panettiere sotto casa, in ufficio e in coda alle casse della Coop. Tutti ne parlano e, se non l’hai mai vista, sei tagliato fuori dal 99% delle conversazioni. Un esiliato volontario. Reietto della società e del mondo. Bandito dai sette regni.

 

Insomma ne hai le orecchie piene, non ne vuoi più sentir parlare e arrivi a odiare tutti quelli che pronunciano il nome di John Snow invano. In realtà è già scattata dentro di te la curiosità di capire perché nessuno sembra riuscire a fare a meno di guardarlo e commentarlo. Allora una mattina ti alzi e proclami: oggi è giunto il momento della prima puntata della prima stagione del Trono di spade, sicuramente non mi piacerà ma almeno lo potrò dire con ragione. ERRORE.

 

Il test è sconsigliato, perché ti ritrovi a fine giornata a scaricare freneticamente la seconda serie, non ti sei reso conto che fuori è buio e riesci solo a pensare “l’inverno sta arrivando”. È scientificamente provato che questa serie nuoce gravemente alla salute psico – fisica (si abbandona il fidanzato, ci si rifiuta di uscire, mangiare è facoltativo) e causa dipendenza. Anche chi non ama il fantasy, apprezza comunque la storia, i personaggi dentro i quali si scava fino a conoscerne le mille sfaccettature, i colpi di scena che ti fanno rimanere a bocca aperta e pensare “ma stai scherzando?!?!” e la suspense da urlo che alla fine di ogni episodio ti porta a “dai ne guardo giusto un’altra”. George R.R. Martin è un moderno Tolkien, che si è tirato fuori dal cilindro un mondo immaginario, costruito fin nel dettaglio, con una storia intrigante, personaggi che ti suscitano amore incondizionato o odio primordiale da “ora entro lì dentro e gli faccio vedere io”, famiglie che si litigano un trono e creature leggendarie che fanno emergere forze oscure e magiche. Grazie alla HBO, è nata questa serie che sta sbancando ogni record. Sei diventata una fan e finalmente capisci perché tutte le donne del pianeta parlano di John Snow.

 

 

Fra una puntata e l’altra, vi do notizia che anche la nuova collezione di Banè potrebbe causare dipendenza. La prima reazione? Li voglio tutti. Proporremo alla HBO di far indossare i nostri accessori a Daenerys Targaryen.  

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

0